Occhi puntati sui possibili sviluppi della realtà aumentata

Ogni anno all’inizio di gennaio si svolge a Las Vegas la manifestazione più importante nell’ambito dei dispositivi per l’elettronica di consumo, il CES.
Questa fiera, che attrae visitatori ed espositori da tutto il mondo, è divenuta una vetrina sul mondo che verrà, non solo in termini di Consumer Electronics, ma anche in termini di tendenze che verranno impiegate su larga scala.
Tra i temi che maggiormente sono stati dibattuti al CES 2017, ritroviamo la RealtàAumentata.
Lo scenario che si sta delineando intorno a questo fenomeno, si sta pian piano evolvendo e concretizzando. Sono copiosi gli investimenti che le aziende stanno riversando verso le società specializzate di Realtà Aumentata.
La possibilità di poter visualizzare, manipolare immagini in 3D come se fossero oggetti reali sta suscitando un forte interesse anche a livello industriale. Una recente intervista di Tim Cook pubblicata dal quotidiano inglese The Independent, riporta il pensiero del manager americano in merito alla Realtà Aumentata, la quale viene vista come una tecnologia che sarà alla portata di tutti come oggi lo è lo smartphone.
Certamente, il cammino è ancora lungo e tortuoso, per poter trasformare questo strumento in un’applicazione di uso comune e quotidiano, ma le premesse ci sono, così come la volontà da parte dei protagonisti dell’elettronica di consumo.
Vediamo di cosa si tratta un po’ più nel dettaglio e quali potrebbero essere i suoi sviluppi in ambito industriale.
 
Innanzitutto la realtà aumentata è una tecnologia che renderà possibile una nuova generazione di programmazione dei computer e gli elementi che permettono di aggiungere informazioni multimediali alla realtà percepita sono lo smartphone, il computer dotato di webcam o altri sensori, i dispositivi indossabili come occhiali, caschetti, cuffie, guanti. L’esperienza immersiva potrà quindi essere applicata in tutti i campi, portando un cambio culturale anche nelle attività lavorative. 
Sono diverse le aziende a livello internazionale che stanno adottando dispositivi di RA come ad esempio Microsoft HoloLens che è in grado di ridurre in modo considerevole i tempi di intervento e manutenzione, aumentando l’efficienza. La Realtà Aumentata va inoltre ad inserirsi perfettamente nel cloud computing, il cui potere permette di portare per la prima volta il contenuto digitale nel mondo reale.
Dal punto di vista della formazione professionale questa tecnologia si traduce in un enorme sviluppo in termini di qualità e velocità dell’apprendimento abbassando notevolmente i costi.
Le attività con la “RA chiamata anche Realtà Mista” apriranno nuovi scenari, si potranno fare riunioni con colleghi e clienti dall’altra parte del mondo come se fossero fisicamente presenti e discutere progetti, come ad esempio lo studio di un motore di un aereo stando all’interno dell’ufficio (senza andare nell’hangar), grazie alla completa raffigurazione del componente.
È significativo un filmato che si trova su YouTube, in cui si racconta come una azienda di engineering americana, specializzata nella costruzione di robot per la NASA, possa ricreare nel proprio ufficio la superficie di Marte e discutere con i colleghi lo sviluppo dei componenti utili per le missioni sul pianeta rosso.
Tutto questo è reso possibile dall’avvento di questa nuova tecnologia.
Queste sono solo alcune delle applicazioni che si possono sviluppare, ma gli ambiti di utilizzo sono veramente infinti. 
 

Foto crediti: Microsoft HoloLens